Visualizzazioni totali delle visite sul blog "Mitrokhin" dalla sua nascita: 08 Novembre 2007

Vota il mio blog...

siti migliori

Il 4 Dicembre 2016, al Referendum Costituzionale, cosa voterai?

Classifica settimanale delle news piu' lette sul blog Mitrokhin...

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

News del blog in email...

Translator (Translate blog entries in your language!)

Post in evidenza

Guy Fawkes e il grande complotto di Londra del 5 Novembre 1605...

Ritratto di Guy Fawkes (Trelleek) Guy Fawkes ( York , 13 aprile 1570 – Londra , 31 gennaio 1606 ) è stato un militare inglese . N...

mercoledì 14 dicembre 2011

Che cosa si è detto in Parlamento Europeo sull'Italia e sulla crisi economica mondiale? Intanto Monti parla al Senato, ma la Lega lo contesta e lui apre alla Tobin Tax...

video

Sopra, l'ntervento di un parlamentare europeo...

Il premier: "Più credibili nell'Ue!". La Lega insorge: "Ma quale Europa, parlaci delle pensioni!". E Schifani sospende la seduta. Il Professore segue il maestro: "Tassiamo le transazioni finanziarie!" Bagarre al Senato dove Mario Monti doveva riferire del Consiglio europeo. Il premier ha esordito sottolineando che il Parlamento "ha un ruolo centrale per l’azione dell’esecutivo ed il futuro del nostro paese!" Poi inizia a parlare di eurobond e Unione europea, dove grazie ai provvedimenti economici l'Italia ha riconquistato "credibilità e posizioni autonome". I leghisti lo interrompono continuamente: "Parlaci delle pensioni". E tirano fuori dei cartelli: "Basta tasse", "Non è una manovra, è una rapina", "Giù le mani dalle pensioni". Il Professore non perde la pazienza e risponde: "Avevo inteso che oggetto di questa riunione era l'Europa e il Consiglio europeo. Scusatemi se valorizzo il Parlamento...". Al presidente Schifani, definito "pagliaccio" dai senatori del Carroccio e apostrofato con un sonoro "vaffa...", non resta che sospendere la seduta finché non si sono placati gli animi. Dopo qualche minuto l'audizione riprende, ma i senatori della Lega Nord restano in piedi, chiacchierano tra loro e danno le spalle al premier che, incurante, va avanti nel suo intervento e risponde alle proteste della Lega, Monti sostiene che "in sede europea uno dei modi per arrivare a meno tasse su chi produce e per le famiglie è anche quello di avere una fiscalità estesa anche al mondo della finanza". Motivo per cui "l'Italia è pronta a considerare questa posizione e ad unirsi a quelli che vorrebbero un’adeguata tassazione sulle transazioni finanziarie", istituendo la cosiddetta Tobin tax, proposta nel 1972 da quello che fu uno dei maestri di Monti, James Tobin.


Per Monti, inoltre, il Consiglio Ue "è stato abbastanza significativo", soprattutto sul tema degli eurobond - di cui l'Europa discuterà a marzo e che non sono un "mezzo subdolo per evitare la disciplina e il rigore finanziario" - e sul rafforzamento dell’operatività del fondo salva-Stati. "Nelle conclusioni", sottolinea, "non troverete la parola eurobond, ma segnalo due finestre aperte verso questo tema". Inoltre il premier ha precisato che "viene accelerata l’entrata in funzione del meccanismo europeo di stabilità", il che significa che non ci sarà possibilità di veto da parte di piccoli Paesi e "si potrà procedere più speditamente".
L’obiettivo del Consiglio Ue è quello di evitare che "il puro concerto bilaterale franco-tedesco domini l’Europa". Parlando di alcune decisioni prese a Deauville da Merkel e Sarkozy, Monti ha ricordato che "I 27 paesi hanno deciso che quella cosa deve essere tolta di scena. Questo è un messaggio collaborativo con cui si dice: Merkel e Sarkozy potete fare errori, è meglio che agiamo con con una consultazione preventiva tra tutti". C'è bisogno, quindi, di "far valere in quella sede una visione di metodo comunitario e una valorizzazione delle istituzioni comunitarie". È importante, inoltre, che l’Ue non "dimentichi che il problema è la crescita e l’occupazione".
Proteste della Lega anche al Copasir, riunito per l’audizione del direttore del Dis, Gianni De Gennaro. Marco Reguzzoni, capogruppo del Carroccio, avrebbe sostenuto che la presidenza del comitato - che spetta ad un partito di opposizioni - debba andare alla Lega.

Fonte: http://www.ilgiornale.it

Nessun commento:

ITALIA-CINA

ITALIA-CINA
PER L'ALLEANZA, LA COOPERAZIONE, L'AMICIZIA E LA COLLABORAZIONE TRA' LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA POPOLARE CINESE!!!