Visualizzazioni totali delle visite sul blog "Mitrokhin" dalla sua nascita: 08 Novembre 2007

Vota il mio blog...

siti migliori

Il 4 Dicembre 2016, al Referendum Costituzionale, cosa voterai?

Classifica settimanale delle news piu' lette sul blog Mitrokhin...

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

News del blog in email...

Translator (Translate blog entries in your language!)

Post in evidenza

Guy Fawkes e il grande complotto di Londra del 5 Novembre 1605...

Ritratto di Guy Fawkes (Trelleek) Guy Fawkes ( York , 13 aprile 1570 – Londra , 31 gennaio 1606 ) è stato un militare inglese . N...

sabato 4 febbraio 2012

Sarah Scazzi - Luci e ombre in un processo ancora troppo confuso...


Sarah Scazzi - Luci e ombre in un processo ancora troppo confuso
Dopo la testimonianza resa in aula da Ivano Russo, il caso della morte di Sarah Scazzi sotto certi aspetti si complica ulteriormente. Ivano Russo è apparso calmo e moderato, ma ha fatto trasparire la volontà di non essere identificato come il movente di un atroce delitto. D'altra parte è una cosa assai comprensibile. Ha sostenuto che Sarah era poco più di una bambina, e lui che appare nella figura di fratello maggiore e di padre. Al tempo stesso descive Sabrina Misseri come nulla più che una cara amica. Ed anche questo è comprensibile. Ma di Sarah sono state trovate le foto in pigiama, scattate alle dieci di sera, e sul cellulare dello stesso Ivano Russo.
L'accusa però non è interessata tanto a ciò che pensa Ivano Russo, quanto a come vedevano la situazione le due principali figure del dramma, ovvero Sarah e Sabrina, anche perché Ivano, stando a quanto stabilisce la strategia dell'accusa, è il movente del delitto, che lo voglia o no.
E dall'altra parte, una famiglia quasi totalmente coinvolta in un affare di sangue, gelosia, menzogne, difficili da comprendere e da spiegare. Una famiglia, a quanto parrebbe, unita da mille ombre.
L'opinione pubblica è divisa fra innocentisti e colpevolisti, ma stando alle prove raccolte, ad uccidere sarebbe stato comunque un membro della famiglia Misseri. Sabrina, Michele, Cosima? Sarà il dibattimento a decidere. Un processo che comunque si annuncia lungo e difficile, e nel quale si dovranno chiarire diversi perché. E si dovranno chiarire i ruoli che hanno avuto i nove imputati che ruotano intorno a questo delitto, ancora troppo oscuro.

Fonte: http://www.ogginotizie.it

Nell’aria, oltre il freddo siberiano che sta colpendo l’Italia, si sente anche il rumore di un repentino arrampicamento sugli specchi. E già, perchè ad Avetrana altri elementi emergono, e che siano più o meno importanti non importa, riescono comunque a far parlare di se.
È la volta, questa, di nuove foto, inedite, scottanti direbbero alcuni. Protagonista? Il bell’Ivano, oggetto del desiderio, forse conteso, forse no, immortalato a torso nudo, al fianco della così discussa Sabrina. E chi avrebbe scattato queste foto? Proprio la povera Sarah, qualche giorno prima di essere brutalmente uccisa.
Tutto ciò dimostrerebbe la grande confidenza instaurata tra il ragazzo e le due cugine. Motivo questo che avrebbe spinto sabrina alla matta gelosia e il conseguente omicidio? Una tesi che però è stata decisamente respinta da Ivano (nel processo compare solo come teste) il quale comunque non ha negato che a scattare le foto sia stata la povera Sarah. A suo dire si tratterebbe di scatti normalissimi che non nascondono nulla di strano. «Io ero a torso nudo – ha spiegato ai magistrati- perché nello studio di Sabrina mi sottoponevo a delle sedute di massaggi per la cura della cervicale».
Una spiegazione che potrebbe essere la pura verità ma che allo stesso tempo non esclude, ma semmai conferma, il rapporto di grande confidenza che si era creato non solo con Sabrina ma anche con la cugina Sarah. E soprattutto non esclude che, al di là dell’ingenuità del gesto, quelle foto possano aggiungere un tassello di verità per comprendere la genesi della tragedia di Avetrana.
Quelle foto, assolutamente inedite, tre giorni fa sono state mostrare in aula nel processo che si celebra davanti ai giudici della Corte d’Assise di Taranto e riprese anche dalla trasmissione Rai «La vita in diretta». I periti le hanno recuperate dalla memoria del cellulare sequestrato a Sabrina Misseri e fanno parte di un gruppo di 13 foto scattate nello studio di estetista della stessa Sabrina e a detta dei pubblici misteri dimostrerebbero il rapporto di grande intimità che si era creato tra i tre ragazzi.
Che sia un buon movente? Non si sa, ma certamente ne sentiremo ancora parlare.

Alessandra Scarciglia
Fonte: http://www.bolognatg24.it

Nessun commento:

ITALIA-CINA

ITALIA-CINA
PER L'ALLEANZA, LA COOPERAZIONE, L'AMICIZIA E LA COLLABORAZIONE TRA' LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA POPOLARE CINESE!!!