Visualizzazioni totali delle visite sul blog "Mitrokhin" dalla sua nascita: 08 Novembre 2007

Vota il mio blog...

siti migliori

Il 4 Dicembre 2016, al Referendum Costituzionale, cosa voterai?

Classifica settimanale delle news piu' lette sul blog Mitrokhin...

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

News del blog in email...

Translator (Translate blog entries in your language!)

Post in evidenza

Guy Fawkes e il grande complotto di Londra del 5 Novembre 1605...

Ritratto di Guy Fawkes (Trelleek) Guy Fawkes ( York , 13 aprile 1570 – Londra , 31 gennaio 1606 ) è stato un militare inglese . N...

domenica 30 settembre 2012

Finalmente è uscita una scomoda verità che comunque già sapevamo tutti: Gheddafi è stato ucciso da uno 007 Francese e non dai ribelli Libici così come il Governo Francese di Nicolas Sarkozy voleva far credere a tutto il Mondo...il Leader Libico celava molti segreti politici della "Guerra Fredda" e con i suoi 41 anni passati al Governo di Tripoli sapeva abbastanza per far si che l'Occidente desse l'ordine di eliminarlo fisicamente; inoltre nel 2007 contribuì a finanziare la campagna elettorale proprio del Presidente Francese Nicolas Sarkozy! La "Guerra Sporca" contro Gheddafi è stata fomentata e ampiamente voluta dalla Francia in primis, dagli USA e dall'Europa poi, non solo per il petrolio, ma anche per "spazzare via" definitivamente uno degli ultimi personaggi politici piu' longevi dal post-Guerra Fredda in po, un personaggio "scomodo" per tutte le decadenti e corrotte Democrazie Occidentali!

Ma quali ribelli! Gheddafi fu ucciso da un agente segreto francese. Il mito della primavera araba, il ruolo di Assad e il fantasma di Musa Sadr... 
La rivolta libica non è mai esistita. Parigi sognava un'operazione stile Suez 1956, ma i "ribelli" hanno messo nel sacco gli stessi francesi. Il risultato è la morte di Chris Stevens e la trasformazione della Libia in una Somalia Mediterranea. Lo squallido patto mafioso tra Nicolas Sarkozy e Assad. Trentatre anni dopo la vendetta è stata fatta!

MISURATA - (LIBIA) - Una mano straniera dietro la morte di Gheddafi. A sparare il colpo di pistola alla testa che avrebbe ucciso il Colonnello lo scorso 20 ottobre dell’anno scorso alla periferia di Sirte sarebbero stati i servizi inviati da Parigi e non le brigate rivoluzionarie libiche. Lo rende noto il giornalista del Corriere della Sera Lorenzo Cremonesi che riporta l’intervista a Mahmoud Jibril, ex premier del governo transitorio. Il leader libico intervistato due giorni fa dall’emittente egiziana “Sogno Tv” al Cairo ha così rilanciato la versione del complotto ordito da un servizio segreto estero. Sul perchè la pista più battuta sia quella francesce è facile dirlo. Gheddafi aveva minacciato di rivelare particolari sulle relazioni tra la Libia e l’allora presidente francese Sarkozy, il principale sostenitore dell’intervento Nato in Libia. Sarebbero stati rivelati i finanziamenti utili per la candidatura a presidente nel 2007. Un motivo che avrebbe spinto gli 007 francesi a intervenire per eliminarlo. I servizi di Parigi ottennero informazioni utili dal governo siriano. Stando a quello che riferisce Cremonesi sarebbe stato lo stesso rais Assad a rivelare il numero del satellitare di Gheddafi. Una mossa del dittatore di Damasco per strappare alla Francia la promessa di alleggerire la pressione sulla Siria.

DAMASCO - (SIRIA) - Assassinare Muhammar Gheddafi, per evitare che – una volta catturato – potesse svelare dettagli imbarazzanti sul sostegno libico nell’elezione di Nicolas Sarkozy. A sparare il colpo di pistola che ha ucciso Gheddafi il 20 ottobre 2011 alle porte della sua roccaforte, Sirte, sarebbe stato un agente straniero francese, aiutato dai siriani in cambio dell’alleggerimento delle pressioni internazionali su Damasco. Il dubbio che la morte del colonnello non sia avvenuta per mano di un guerrigliero locale, ma per l’intervento diretto di un commando-killer della Nato circola da tempo, in Libia. La conferma viene ora da uno dei politici-chiave del cambio di regime in Libia, Mahmoud Jibril, già a capo del Cnt, il Consiglio Nazionale di Transizione. Riprendendo l’intervista di Jibril, rilasciata il 29 settembre 2012 al Cairo, il “Corriere della Sera” riporta nuovi particolari che confermano in parte quanto rivelato appena pochi giorni dopo la morte di Gheddafi da un altro quotidiano italiano, “Il Giornale”.
Gheddafi poco prima della brutale esecuzioneMahmoud JibrilA Lorenzo Cremonesi, inviato del “Corriere” a Tripoli, l’ex responsabile libico per i rapporti con le agenzie di informazioni straniere, Rami El Obeidi, racconta che dietro la localizzazione del raìs, in fuga da settimane, ci sarebbe addirittura il presidente siriano Bashar Assad. Sarebbe infatti stato il numero uno di Damasco, secondo la fonte libica, a fornire agli 007 francesi il numero del telefono satellitare “Iridium” di Gheddafi per l’intercettazione del segnale e la localizzazione del fuggiasco. In cambio della “cooperazione”, sempre secondo El Obeidi, la Francia avrebbe promesso di limitare le pressioni sul regime di Assad impegnato nella repressione della rivolta siriana, degenerata in guerra civile e assistita da forze arabe e occidentali con l’appoggio della Turchia. La Francia, scrive il “Giornale”, era stata uno dei pochi paesi ad aver dichiarato apertamente la possibilità di un intervento militare in Siria, motivato con la necessità di assicurare zone franche ai civili.
Sempre sul “Giornale”, già il 23 ottobre 2011 Fausto Biloslavo rivelava una pista siriana: «La fine di Gheddafi forse è arrivata con una telefonata a Damasco, dal suo apparecchio satellitare, intercettato dalla Nato a Sirte». Un anno dopo, torna l’ombra di un intervento francese: ne parla anche il “Corriere”, citando ambienti diplomatici internazionali. Nella ricostruzione degli ultimi minuti di vita del Colonnello, compaiono «due caccia francesi» che avrebbero colpito per primi il convoglio su cui viaggiava Gheddafi, obbligando il raìs e i suoi compagni a trovare rifugio nei tubi di cemento in cui saranno poi stanati da un primo gruppo di insorti. Soltanto dopo sarebbe intervenuto un secondo gruppo, un commando di professionisti. L’impressione, racconta una fonte libica, è che il commando incaricato di assassinare Gheddafi «sapesse esattamente cosa fare e avesse ordini precisi di eliminare i prigionieri».

Nessun commento:

ITALIA-CINA

ITALIA-CINA
PER L'ALLEANZA, LA COOPERAZIONE, L'AMICIZIA E LA COLLABORAZIONE TRA' LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA POPOLARE CINESE!!!