Visualizzazioni totali delle visite sul blog "Mitrokhin" dalla sua nascita: 08 Novembre 2007

Vota il mio blog...

siti migliori

Classifica settimanale delle news piu' lette sul blog Mitrokhin...

SEI D'ACCORDO PER IL VOTO A PRIMAVERA 2017 O PER LA FINE LEGISLATURA 2018?

Cerca nel blog

News del blog in email...

Translator (Translate blog entries in your language!)

Post in evidenza

Francesco Gabbani con i sui 3.000 concittadini a Carrara (MS) live in Piazza Alberica, Mercoledi' 31 Agosto 2016...

  MERCOLEDI' 31 AGOSTO 2016 - LIVE IN PIAZZA ALBERICA FRANCESCO GABBANI - SANREMO - SABATO 11 FEBBRAIO 2017  Quando France...

domenica 13 novembre 2011

Berlusconi si è dimesso Sabato 12 Novembre 2011, il Sabato piu' lungo del Cavaliere...



Sabato 12 Novembre 2011 - Il premier se ne va tra monetine in testa e condizioni da dettare al governo Monti e al Quirinale:



22.30 - E mentre Silvio è stato avvistato nel bunker di Palazzo Grazioli, chiudiamo anche noi la giornata dedicata al lungo addio di Berlusconi. Domani è un altro giorno, e un altro giornale.
22.26 - Pochi minuti dopo il ritorno dal Quirinale di Silvio Berlusconi da premier dimissionario, il marciapiede e la via davanti a Palazzo Grazioli si stanno riempiendo di persone che urlano slogan contro il Cavaliere e sventolano bandiere tricolori. A far da sottofondo i caroselli delle auto che attraversano Piazza Venezia e le strade limitrofe suonando il clacson, come si usa fare per le vittorie delle partite di calcio. Alcuni dei presenti hanno intonato l’Inno di Mameli. (ANSA)
22.20 – E’ un fiume continuo di gente quello che si dirige verso Palazzo Grazioli, dove Silvio Berlusconi e’ da poco rientrato, dopo essere stato al Quirinale dove ha rassegnato le dimissioni. I manifestanti che lo aspettavano al Quirinale si stanno spostando in via del Plebiscito, dove hanno da poco bloccato il traffico delle auto. Mentre sventolano bandiere tricolore e intonano l’inno di Italia, i manifestanti urlano ‘Italia libera, Italia libera’. (ASCA)
22.14 – - S’ingrossa sempre di piu’ la folla stipata in via del Plebiscito per festeggiare le dimissioni di Silvio Berlusconi. Clacson impazziti, bandiere tricolori e anche un inno di Mameli che parte spontaneo e contagia i presenti. Tanti giovani, qualche famiglia con bambini. “Galera, galera”, grida la folle. Forze dell’ordine presenti, ma il clima e’ al momento tranquillo.
22.13 – Anche Bersani vuole partecipare alla satira sull’attualità:
“Anche io ho dato il mio contributo per mandare a casa Berlusconi. Quando cominciai questa avventura alle primarie, dissi che il piu’ antiberlusconiano di tutti sarebbe stato quello che lo mandera’ a casa. Non mi riferivo alla persona, ma al mio partito. E’ il Pd che l’ha mandato a casa”.
Cosi’ Pier Luigi Bersani in piazza per la festa del Pd dopo le dimissioni del premier. (ANSA)
Domenica 13 Novembre 2011 - C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole di Roma, anzi d’antico. Piazze in festa, in odio contro Berlusconi. Con una piazza è finita la Prima Repubblica, con una piazza finisce la Seconda, se è mai cominciata. Effetti del bipolarismo, si dirà. Se catalizzi l’azione politica su due poli opposti crei ostilità, rivalse. O di qua o di là, e non importa se la realtà è un’altra, perché le sfumature contano, e non ci sono blocchi monolitici ad accogliere serenamente tutti. Hanno molto più in comune Alfano, Letta (uno e due), Lupi e Casini che non i rispettivi con Vendola e Di Pietro, con Verdini o Dalla Vedova, o lo stesso Bossi. Perché non si è costruito su queste unità, invece che sulle contrapposizioni forzose, legate solo a logiche di numeri e potere? Così si dà la stura agli slogans, alle fazioni di contestatori e sostenitori e così abbiamo visto i cortei, le sbandierate, i cori inneggianti alla liberazione di sabato sera. Sono sgradevoli in sé, non si infierisce su un nemico vinto. Non importa se guelfi e ghibellini, Montecchi e Capuleti segnano la storia di tante piazze e dell’unica Italia.
Un tempo ingabbiavano pure i condannati a essere rosi dai corvi, non è necessario e  fatale essere stupidi e violenti. Che poi, quel nemico, non è stato vinto, questo è il punto. Il governo Berlusconi non è stato battuto da una sinistra che non ha programmi né progetti futuri ed è sopravvissuta solo grazie all’odio contro Berlusconi. E’ stato battuto da una curiosa convergenza economico-finanziaria, che non consentiva altra via d’uscita che Monti, guarda caso. Uno degli amici degli amici degli amici, di qua e di là dall’oceano.
E’ stato battuto dalle sue inadempienze, dalle sue contraddizioni. Quel che si deve fare, va fatto, e non si può menare il can per l’aia in Europa giurando riforme che  non puoi attuare, pena perdere pezzi di fedelissimi e alleati. La cosa strana però è che quelle piazze di indignados festanti quelle riforme non le vorrebbero, non le vorranno. Che le loro rabbie  e frustrazioni , represse per qualche mese, dovranno trovarsi un altro bersaglio, che sia Monti o  Renzi, chissà. Non è la ragione a muoverli, neanche le tante ragioni spicciole: come allo stadio, e li disgusterbbe il paragone, hanno bisogno di insulti, corna e sputi.
Come al Colosseo, devono usare il pollice, per decretare la sopravvivenza o la morte di un avversario. Non gliene importa nulla del bene comune, delle sorti del paese, dell’economia europea. Volevano la morte del capro espiatorio (sono diverse dalle folle che hanno violentato e sbranato Gheddafi e i suoi uomini? Quelli erano in guerra, ci hanno messo un po’ più di energia, ma il principio è lo stesso).
Folle Aizzate colpevolmente, ma è da quel dì, da capipopolo in doppiopetto che sibilano odio dagli schermi tv e giornali, mentre fingono di prendersi sulle spalle il pesante fardello delle responsabilità per affrontare le emergenze e costruire un’alternativa di solidarietà. Sperano che ci crediamo? 
La positività però c’è: esistono uomini, di qua e di là, che sopportano, sospirano, poi si tirano su le maniche e hanno intenzione di mettersi a lavorare. Hanno bisogno di noi, anche per far la guardia alle piazze. Non per contrappore un’ideologia a un’altra. Non per ribattere con la dialettica. Ci vogliono opere, fatica, intelligenza, e anche il coraggio di giudicare. Domani, quando torniamo in ufficio o a scuola, non temiamo di essere considerati filoregime se critichiamo le orde coi clacson pigiati del Lungotevere, le file davanti a Palazzo Chigi a tirar monetine. Non abbiamo paura. Guai a pensare che è meglio non alzare la voce, lasciar correre, tanto poi passa. Non passa, peggiora. 

Fonte: http://www.ilsussidiario.net e http://www.ansa.it

Nessun commento:

ITALIA-CINA

ITALIA-CINA
PER L'ALLEANZA, LA COOPERAZIONE, L'AMICIZIA E LA COLLABORAZIONE TRA' LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA POPOLARE CINESE!!!