Visualizzazioni totali delle visite sul blog "Mitrokhin" dalla sua nascita: 08 Novembre 2007

Vota il mio blog...

siti migliori

Il 4 Dicembre 2016, al Referendum Costituzionale, cosa voterai?

Classifica settimanale delle news piu' lette sul blog Mitrokhin...

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

News del blog in email...

Translator (Translate blog entries in your language!)

Post in evidenza

Guy Fawkes e il grande complotto di Londra del 5 Novembre 1605...

Ritratto di Guy Fawkes (Trelleek) Guy Fawkes ( York , 13 aprile 1570 – Londra , 31 gennaio 1606 ) è stato un militare inglese . N...

sabato 15 settembre 2012

L'ex Presidente della Repubblica Francese Nicolas Sarkozy deve essere incriminato al Tribunale dell'Aia (Tribunale Penale Internazionale) insieme all'ex-Presidente dell'ex Unione Sovietica Michail Gorbaciov, all'ex Presidente degli Stati Uniti d'America George W. Bush Senior e Junior, insieme a tanti altri ex passati e odierni Capi di Stato Occidentali, per aver commesso gravi "crimini contro l'umanità, per aver fatto assassinare direttamente o indirettamente il leader Libico Gheddafi, per aver messo a serio rischio e pericolo la pace Mondiale!"

NICOLAS SARKOZY -
EX PRESIDENTE FRANCESE
(Grazie a lui, in Libia da piu' di un anno, 
regna ancora il caos e la distruzione!)
 GEORGE BUSH JUNIOR -
EX PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI
(Grazie a lui, in Iraq da quasi dieci anni,
regna ancora il caos e la distruzione!)
GEORGE BUSH SENIOR -
EX PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI
(Grazie a lui, in Iraq, nella ex-Yugoslavia,
nei paesi Est Europei dell'ex-Patto di Varsavia,
 per dieci anni, hanno regnato morte,
 guerre, sangue, caos e distruzione!)
MIKHAIL GORBACIOV-
EX PRESIDENTE DELL'EX UNIONE SOVIETICA
(Grazie a lui, in Asia Centrale, nell'Est Europa, per venti anni,
hanno regnato corruzione, mafia, povertà, miseria, caos,
guerre civili, sangue, morte e distruzione!)

PARIGI (FRANCIA) - MOSCA (RUSSIA - EX URSS) - WASHINGTON (USA) -
Che cosa lega tra loro le tre capitali Washington, Mosca e Parigi? Un solo dato di fatto, grazie ai Governi che hanno guidato queste cancellerie negli ultimi 20 anni, la pace Mondiale è stata messa a rischio in maniera ancora più' grave rispetto ai tempi della “Guerra Fredda” mentre centinaia di migliaia di persone innocenti hanno perso la vita, ed altrettanti sono stati rapiti, torturati, sequestrati, umiliati, feriti gravemente a causa delle decine di guerre civili e rivolte armate che sono state scatenate a causa delle scelte sbagliate e scellerate di una politica che mirava solo ad arricchire senza ritegno le caste dei potenti e dell'alta finanza a discapito della pace sociale e dei popoli piu' poveri e sfortunati.

Lo sfruttamento indiscriminato delle foreste, del petrolio, delle risorse idriche e naturali del mondo, in special modo delle zone più' ricche dell'Africa e dell'Asia Centrale, è stata la priorità assoluta dei piani dei Governi che sono stati guidati dai guerrafondai George Bush Senior e George Bush Junior negli Stati Uniti d'America; da Mikhail Gorbaciov nell'ex Unione Sovietica che grazie alla sua politica scellerata, da doppio-giochista e da traditore, ha aperto la strada alla mafia in mezza Europa dell'Est causando povertà, miseria, umiliazione, intolleranza che ha scatenato decine di guerre civili sanguinose e rivolte armate violente; infine come non dimenticare l'ex Presidente Francese Nicolas Sarkozy, grazie alla sua mania di grandezza, grazie alla sua politica avventata, per tentare di essere rieletto all'Eliseo e cercare di scalare di nuovo la popolarità tra gli elettori Francesi, ha scatenato la guerra in Libia contro Gheddafi basata sulla menzogna e sulla propaganda populista; ancora oggi la Libia da un paese civile, ordinato, laico, si è trasformato in un ennesimo eterno Afghanistan, un paese in preda alla distruzione, alla violenza, alla morte e alla povertà assoluta, l'assassinio dell'Ambasciatore Americano a Bengasi l'11 Settembre 2012 lo sta a dimostrare.

Io dunque ritengo che questi Capi di Stato debbano essere trattatati alla stregua dei leader da loro imprigionati, processati, massacrati e assassinati come Saddam Hussein o Muammar Gheddafi (anche per nascondere tanti segreti diplomatici e tanti scheletri nell'armadio ante e post-guerra fredda) cioè io invoco il Tribunale Penale Internazionale dell'Aia affinché vengano processati per “gravi crimini commessi contro l'umanità e contro la natura, per aver messo in serio pericolo la pace mondiale e sociale tra i popoli della terra, per aver agito in base ai propri interessi personali e d'élite, a discapito dei popoli più deboli e più poveri, per aver causato guerre civili e rivolte armate sulla base di una propaganda menzognera e populistica, ipocrita e mendace!”

Centinaia di migliaia di bambini, vecchi, donne, uomini, ragazzi e ragazze adolescenti hanno perso la vita inutilmente, e molti oggi sono ancora shoccati e traumatizzati; centinaia di migliaia di città sono state semi-distrutte, molte opere d'arte tramandateci dall'antichità sono andate perse per sempre, intere popolazioni e nazioni vivono ancora oggi in balia delle guerre e delle rivolte armate violente, proprio là dove dieci e venti anni fa regnava la pace, l'ordine, la legge...
Alexander Mitrokhin 
ECCO LA LISTA DELLE GUERRE CIVILI
CAUSATE DALLA POLITICA FALLIMENTARE E DOPPIOGIOCHISTA
DI MIKHAIL GORBACIOV NELL'EX UNIONE SOVIETICA
Problemi politici  
Riguardo alle libertà politiche all'interno delle ex repubbliche sovietiche, i Paesi sono divisi come segue:
In modo simile, il Worldwide Press Freedom Index, pubblicato da Reporters Without Borders, ha registrato i paesi secondo la libertà di stampa:
È stato notato che diversi stati post-sovietici non hanno cambiato leadership a partire dalla loro indipendenza, come Islom Karimov in Uzbekistan e Nursultan Nazarbaev in Kazakistan. Tutti questi avevano in origine mandati a termine, ma attraverso decreti o referendum prolungarono la loro permanenza in carica (una pratica seguita anche dal Presidente della Bielorussia Aleksandr Lukašenko). Askar Akaev del Kirghizistan ha, in modo simile, svolto la carica di Presidente a partire dall'indipendenza della nazione finché è stato obbligato a dimettersi a seguito della rivoluzione del 2005. Saparmyrat Nyýazow in Turkmenistan ha governato dall'indipendenza fino alla morte nel 2006, creando un culto della personalità intorno a se stesso.
Il problema della successione dinastica è stato un altro elemento che ha affetto le politiche di alcuni stati post-sovietici, con Ilham Aliyev che è divenuto Presidente dell'Azerbaigian dopo la morte del padre Heydar Aliyev, e teorie sui figli di alcuni leader dell'Asia centrale che sono stati scelti per la successione. [2] La partecipazione del figlio e della figlia di Akayev nelle elezioni parlamentari kirghize del 2005 ha suscitato paure di successione dinastica, e potrebbe aver contribuito al clima anti-Akayev che ha portato al suo rovesciamento.

Conflitti separatisti

Gran parte dei conflitti militari verificatisi negli stati post-sovietici hanno avuto a che fare con desideri separatisti dei territori con differenti caratteristiche etniche o religiose, diverse da quelle della maggioranza della popolazione dello stato. Tali territori e i conseguenti conflitti militari sono finora stati:
Tra queste regioni, solo due sono state pienamente reincorporate nelle loro rispettive nazioni. L'Agiara è stata riannessa alla Georgia e il conflitto è terminato pacificamente. Il leader separatista Aslan Abashidze è scappato in Russia, dove gli è stato concesso asilo. La Repubblica Autonoma Talysh-Mughan è stata velocemente abbattuta dopo l'ascesa di Heydər Əliyev. Il suo leader, il colonnello Alakram Alekper Gumbatov fu arrestato; la regione è oggi integrata nell'Azerbaigian, ma è divisa in rajoni separati e non ha autonomia.
La Cecenia è stata coinvolta in due guerre, causate dai desideri delle forze separatiste di rendersi indipendenti dalla Russia, e il conflitto tra separatisti e federalisti continua tuttora. Attualmente, la posizione ufficiale della Cecenia è di repubblica, parte della Federazione Russa. Allo stesso tempo esiste un governo separatista auto-proclamato, non riconosciuto da alcuno stato.
Esiste un movimento separatista nel Daghestan, i membri del quale hanno combattuto con i ribelli ceceni durante il raid del settembre 1999. Tuttavia, quell'attacco fu subito sedato dalle forze armate russe con l'aiuto di alcuni abitanti locali che consideravano l'attacco ceceno un'invasione piuttosto che una liberazione.
La Transnistria, l'Abcasia e l'Ossezia del Sud, invece, hanno raggiunto un'indipendenza de facto, che non è tuttavia riconosciuta da nessun altro paese del mondo — esiste ancora una presenza militare russa in tutti e tre i territori. Nagorno-Karabakh ha anche raggiunto l'indipendenza de facto, con le truppe armene che esercitano il controllo di tutto il territorio e di alcune parti dell'Azerbaigian. Dal 1994 queste quattro regioni hanno effettuato accordi di mutua assistenza, e i loro leader hanno ripetuto diverse volte le promesse. [3][4] [5]
I conflitti separatisti sono talvolta chiamati "conflitti congelati", in quanto i massacri di massa si sono calmati, ma esistono tuttora sentimenti e opinioni che continuano ad essere tramandati alle nuove generazioni.

Guerre civili 

Le guerre civili non collegate a movimenti separatisti verificatesi in queste regioni sono:

Rivoluzioni colorate 

Dal 2003, si sono verificate diverse rivoluzioni colorate pacifiche in alcuni stati post-sovietici, dopo elezioni fortemente contestate; le proteste popolari hanno riportato al potere l'ex opposizione.

Problemi delle popolazioni russe 

Esiste una significativa popolazione russofona negli stati post-sovietici, la cui posizione politica di minoranza etnica varia da paese a paese. Mentre Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan hanno mantenuto la lingua russa come lingua ufficiale, tale lingua ha perso il suo status in altri stati post-sovietici dopo la fine dell'Unione Sovietica.
Negli stati baltici, oggi nazionalisti comprensibilmente per la pesante occupazione sovietica subita per quasi cinquant'anni e la forzata russificazione nel passato, i russi locali sono considerati come "occupanti". Non volendo imparare le lingue locali, agli slavi è stata negata loro la cittadinanza automatica dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica.


 La guerra americana per il dominio globale

Siamo nella congiuntura della più grave crisi nella storia moderna?

L’amministrazione Bush si è imbarcata in un’avventura militare che minaccia il futuro dell’umanità. Le guerre in Afghanistan ed Iraq fanno parte di una più ampia agenda militare che venne lanciata alla fine della Guerra Fredda. L’agenda di guerra in corso è una continuazione della Guerra del Golfo e delle guerre della NATO in Jugoslavia (1991-2001). Anche il periodo successivo alla Guerra Fredda è stato segnato da numerose operazioni segrete di intelligence all’interno dell’ex Unione Sovietica che furono strumentali nello scatenare guerre civili in diverse delle ex repubbliche, comprese la Cecenia (nella Federazione Russa), la Georgia e l’Azerbaijan. Nell’ultima, tali operazioni segrete furono lanciate con la prospettiva di rendere sicuro il controllo strategico sui corridoi delle pipeline del petrolio e del gas. Le operazioni militari e di intelligence USA post Guerra Fredda furono condotte in stretto coordinamento con le “riforme di libero mercato” imposte sotto la tutela dell’FMI in Europa orientale, nell’ex Unione Sovietica e nei Balcani, che risultarono nella destabilizzazione delle economie nazionali e nell’impoverimento di milioni di persone. I programmi di privatizzazione patrocinati in questi paesi dalla Banca Mondiale permisero al capitale occidentale di acquisire la proprietà e di guadagnare il controllo di una grande parte dell’economia nei paesi dell’ex blocco orientale. Questo processo è anche alla base delle fusioni e/o scalate strategiche nelle industrie petrolifere e del gas ex sovietiche da parte di potenti conglomerate occidentali, attraverso pratiche di manipolazione e corruzione politica. In altre parole, ciò che è in gioco nella guerra degli USA è la ricolonizzazione
di una vasta regione che si estende dai Balcani all’Asia centrale. Lo spiegamento della macchina da guerra americana ha lo scopo di allargare la sfera di influenza economica dell’America. Gli USA hanno instaurato una presenza militare permanente non soltanto in Iraq ed Afghanistan, hanno basi militari in diverse delle ex repubbliche sovietiche alla frontiera occidentale della Cina. A sua volta, dal 1999, vi è stato un incremento della presenza militare nel Mar Cinese Meridionale. La guerra e la globalizzazione procedono assieme.
La militarizzazione sorregge la conquista di nuove frontiere economiche e l’imposizione mondiale del “libero mercato”.
La prossima fase della guerra L’amministrazione Bush ha già identificato la Siria come il prossimo stadio della “mappa di guerra”. Il bombardamento di presunte ‘basi terroriste in Siria da parte dell’aeronautica israeliana in ottobre era intesa a fornire una giustificazione per un successivo intervento militare preventivo. Ariel Sharon ha lanciato gli attacchi con l’approvazione di Donald Rumsfeld. (V. Gordon Thomas, Global Outlook, No. 6, Winter 2004) Tale programmata estensione della guerra alla Siria ha serie implicazioni. Significa che Israele diventa un importante attore militare nella guerra USA ed anche un membro ‘ufficiale della coalizione angloamericana. Il Pentagono vede il ‘controllo territorialè della Siria, che costituisce un ponte di terra tra Israele e l’Iraq occupato, come ‘strategico da una prospettiva militare ed economica. Esso costituisce anche un modo per controllare il confine iracheno e piegare il flusso di combattenti volontari che vanno a Baghdad per unirsi al movimento di resistenza iracheno. Tale allargamento del teatro di guerra è conforme al piano di Ariel Sharon di costruire un ‘Grande Israelè “sulle rovine del nazionalismo palestinese”. Mentre Israele cerca di estendere il proprio dominio territoriale verso il fiume Eufrate, con aree designate per insediamenti giudei in terra siriana, i palestinesi vengono imprigionati a Gaza e nella West Bank dietro un ‘Muro dell’apartheid’. Nel frattempo, il Congresso USA ha rafforzato le sanzioni economiche contro Libia ed Iran. Washington accenna anche alla necessità di un ‘cambio di regimè in Arabia Saudita. Stanno aumentando le pressioni politiche in Turchia. Dunque, la guerra potrebbe veramente propagarsi ad una regione molto più ampia che si estende dal Mediterraneo orientale al subcontinente indiano ed alla frontiera occidentale della Cina.
L’utilizzo “preventivo” di armi nucleari Washington ha adottato una politica nucleare “preventiva” di primo colpo che ha ora ricevuto l’approvazione del Congresso.
Le armi nucleari non sono più un’arma di ultima istanza come durante l’era della Guerra Fredda. Gli USA, la Gran Bretagna ed Israele hanno una politica coordinata delle armi nucleari.
Le testate nucleari israeliane sono puntate sulle principali città del Medio Oriente.
I governi dei tre paesi hanno tranquillamente dichiarato apertamente, prima della guerra in Iraq,
che sono pronti ad usare armi nucleari “se vengono attaccati” con le cd “armi di distruzione di massa”.
Israele e la quinta potenza nucleare al mondo. I
l suo arsenale nucleare è più avanzato di quello della Gran Bretagna. Appena poche settimane dopo l’arrivo dei marines USA a Baghdad, la Commissione Forze Armate del Senato USA ha dato luce verde al Pentagono per lo sviluppo di una nuova bomba atomica tattica da essere usata in teatri di guerra convenzionali, “con un carico [di fino a] sei volte più potente della bomba di Hiroshima”. In seguito alla decisione del Senato il Pentagono ha ridefinito i particolari della sua agenda nucleare in una riunione segreta con importanti dirigenti dell’industria nucleare e del complesso militare-industriale tenuta al QG del Comando Centrale alla base aerea di Offutt in Nebraska. La riunione si è tenuta il 6 agosto, il giorno in cui 58 anni fa venne sganciata su Hiroshima la prima bomba atomica. La nuova politica nucleare coinvolge esplicitamente nel processo decisionale i grandi fornitori della difesa. E’ equivalente alla “privatizzazione” della guerra atomica. Le aziende non soltanto mietono profitti multimiliardari dalla produzione di bombe atomiche, ma hanno anche una voce in capitolo nello stabilire l’agenda che riguarda l’utilizzo e lo spiegamento delle armi nucleari. Nel frattempo, il Pentagono ha scatenato una grande campagna di propaganda e pubbliche relazioni incentrata a sostenere l’uso delle armi atomiche per la “difesa del territorio americano”. Pienamente appoggiate dal Congresso USA, le miniatomiche vengono considerate essere “sicure per i civili”. Questa nuova generazione di armi nucleari è messa in lista per venire utilizzata nella prossima fase di questa guerra, in “teatri di guerra convenzionali” (cioè nel Medio Oriente ed in Asia Centrale) assieme alle armi convenzionali. Nel dicembre del 2003 il Congresso USA ha stanziato 6,3 miliardi di dollari solamente per il 2004 per lo sviluppo di questa nuova generazione di armi nucleari “difensive”. Il bilancio annuale totale della difesa è dell’ordine di 400 miliardi di dollari, approssimativamente la stessa grandezza del PIL della Federazione Russa. Mentre non vi sono prove certe dell’uso di miniatomiche nei teatri di guerra iracheno ed afgano, i test condotti dall’Uranium Medical Research Center (UMRC) canadese in Afghanistan confermano che le radiazioni tossiche registrate non sono attribuibili alle munizioni ad uranio impoverito (DU) di ‘metallo pesante’, ma ad un’altra forma non identificata di contaminazione da uranio: “erano stati usati alcuni tipi di armi all’uranio (…) I risultati sono stati sorprendenti: i donatori presentavano concentrazioni di isotopi di uranio tossico e radioattivo tra 100 e 400 volte maggiori che tra i veterani della Guerra del Golfo controllati nel 1999″. www.umrc.net
La pianificazione della guerra La guerra all’Iraq è stata pianificata almeno dalla metà degli anni ’90. Un documento della sicurezza nazionale dell’amministrazione Clinton dichiarava abbastanza chiaramente che l’obiettivo della guerra era il petrolio. Un ininterrotto, sicuro accesso al petrolio “per proteggere gli Stati Uniti”. Nel settembre del 2000, pochi mesi prima dell’arrivo di George W. Bush alla Casa Bianca, il Project for a New American Century (PNAC) pubblicava il suo piano per il dominio globale dal titolo “Rebuilding America’s Defenses.” Il PNAC è un istituto neoconservatore collegato alle istituzioni della difesa e dei servizi segreti, al partito repubblicano ed al potente Council on Foreign Relations
(CFR), che gioca un ruolo dietro le scene nella formulazione della politica estera USA. L’obiettivo dichiarato del PNAC è molto semplice: “Combattere e vincere decisivamente in multipli, simultanei teatri di guerra”. Tale dichiarazione indica che gli USA progettano di essere coinvolti simultaneamente in diversi teatri di guerra in differenti regioni del mondo. Il vicesegretario della difesa Paul Wolfowitz, il segretario della difesa Donald Rumsfeld ed il vicepresidente Dick Cheney avevano commissionato il progetto del PNAC prima delle elezioni presidenziali. Il PNAC delinea una mappa per la conquista. Esso chiede la “imposizione diretta di basi avanzate USA attraverso l’Asia centrale ed il medio Oriente” con lo sguardo ad assicurare il dominio economico del mondo, strangolando tutti i potenziali “rivali” od ogni possibile alternativa alla concezione americana di economia di “libero mercato”. (V. Chris Floyd, Bush’ Crusade for empire, Global Outlook, No. 6, 2003)
Il ruolo degli “eventi produttivi di numerose vittime” Il piano del PNAC delinea anche una corrispondente struttura di propaganda di guerra. Un anno prima dell’11/9, il PNAC invocava “un evento catastrofico e catalizzante, tipo una nuova Pearl Harbor”, che sarebbe servito a galvanizzare l’opinione pubblica degli USA a sostegno dell’agenda di guerra. (V. http://www.globalresearch.ca/articles/NAC304A.html) Pare che gli architetti del PNAC abbiano anticipato con cinica precisione l’uso degli attentati dell’11 settembre come “un incidente a pretesto per la guerra”. Il riferimento del PNAC ad “un evento catastrofico e catalizzante”echeggia una simile dichiarazione di David Rockefeller al Consiglio Economico delle Nazioni Unite del 1994: “Siamo sull’orlo di una trasformazione globale. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la giusta grande crisi e le nazioni accetteranno il Nuovo Ordine Mondiale”. Simili le parole di Zbigniew Brzezinski nel suo libro ‘The Grand Chessboard’: “Si potrebbe trovare più difficile costruire un consenso sulle materie di politica estera [in America], eccetto in circostanze di una minaccia esterna diretta veramente enorme e ampiamente avvertita”.
Zbigniew Brzezinski, che era Consigliere per la Sicurezza Nazionale del presidente Jimmy Carter è stato uno degli architetti chiave della rete di Al Qaeda, creata dalla CIA all’inizio della guerra sovietico-afgana (1979-1989). L’”evento catastrofico e catalizzante”, come dichiarato dal PNAC, è una parte integrante della pianificazione militare-intelligence USA.
Il generale Franks, che ha guidato la campagna militare in Iraq, ha recentemente rilevato (ottobre 2003) al ruolo di un “evento produttivo di numerose vittime” per trovare sostegno all’imposizione di un governo militare in America. (V. General Tommy Franks calls for Repeal of US Constitution, November 2003, http://www.globalresearch.ca/articles/EDW311A.html). Franks identifica lo scenario preciso con il quale verrà istituito il governo militare:
“[avverrà] un fatto di terrorismo produttivo di numerose vittime da qualche parte nel mondo occidentale – potrebbe essere negli StatiUniti d’America – che provoca la messa in discussione della nostra Costituzione da parte della nostra popolazione e l’inizio della militarizzazione del nostro paese per evitare che si ripeta un altro evento produttivo di numerose vittime”. (Ibid) Questa dichiarazione da parte di un individuo che è stato attivamente coinvolto nella pianificazione militare e di intelligence ai più alti livelli suggerisce che la “militarizzazione del nostro paese” è un’ipotesi operativa in corso.
E’ parte del più vasto “consenso di Washington”. Identifica la “roadmap” di guerra dell’amministrazione Bush e la “Homeland Defense.”. Non vi è bisogno di dire che è anche una parte integrale dell’agenda neoliberista.
Il “fatto di terrorismo produttivo di numerose vittime” viene presentato dal generale Franks come un punto di svolta politico cruciale. Le risultanti crisi ed agitazioni sociali sono intese a facilitare un importante spostamento
nelle strutture politiche, sociali ed istituzionali degli USA. La dichiarazione del generale Franks riflette il consenso dei militari USA su come i fatti dovrebbero dispiegarsi. La “guerra al terrorismo”
deve fornire la giustificazione per revocare il governo della legge, in definitiva con la prospettiva “preservare le libertà civili”. L’intervista di Franks suggerisce che un attacco terroristico patrocinato da al Qaeda verrà utilizzato come un “meccanismo a grilletto” per un colpo di stato militare in America. L’”evento tipo Pearl Harbor” del PNAC verrebbe usato come giustificazione per dichiarare lo stato d’emergenza che porta alla costituzione di un governo militare. Sotto molti aspetti, negli USA la militarizzazione delle istituzioni civili dello stato è già in funzione sotto la facciata di una democrazia fasulla.
La propaganda di guerra In seguito agli attentati dell’11 settembre al World Trade Center, il segretario alla difesa Donald Rumsfeld ha creato l’Office of Strategic Influence (OSI), o “Ufficio della disinformazione”, come è stato etichettato dai suoi critici:
“Il Dipartimento della Difesa ha detto che hanno bisogno di farlo, e stavano realmente per impiantare notizie false in paesi stranieri, come sforzo per influenzare l’opinione pubblica mondiale. (Intervista con Steve Adubato, Fox News, 26 dicembre 2002.) All’improvviso l’OSI venne formalmente sciolto in seguito alle pressioni politiche ed a “fastidiose” notizie dei media che “il suo scopo era di mentire deliberatamente per portare avanti gli interessi americani”. (Air Force Magazine, gennaio 2003, enfasi aggiunta) “Rumsfeld rinunciò e disse che ciò era imbarazzante”. (Adubato, op. cit. enfasi aggiunta) Nondimeno, nonostante questa rinuncia apparente, la orwelliana campagna di disinformazione del Pentagono rimane funzionalmente intatta: “Il segretario della difesa su questo non è particolarmente esplicito. La disinformazione nella propaganda militare fa parte della guerra”. (Ibid) Più tardi, in una intervista con la stampa Rumsfeld confermò che, sebbene nominalmente l’OSI non esista più, le “funzioni previste per l’Ufficio vengono svolte”. (Citato in Federation of American Scientists (FAS) Secrecy News, http://www.fas.org/sgp/news/secrecy/2002/11/112702 .html , l’intervista di Rumsfeld si può consultare a: http://www.fas.org/sgp/news/2002/11/dod111802.html ). Molte agenzie governative ed unità dei servizi segreti, con collegamenti al Pentagono, rimangono attivamente coinvolte in varie componenti della campagna di propaganda. La realtà viene rivoltata. Le azioni di guerra vengono sbandierate come “interventi umanitari” ingranati per il “cambio di regime” ed il “ripristino della democrazia”. L’occupazione militare e l’uccisione di civili sono presentate come “mantenimento della pace”. La deroga alle libertà civili, nel contesto della cd “legislazione antiterrorismo”, viene dipinta come un mezzo per fornire la “sicurezza interna” e sostenere i diritti civili.

Global Research, June 06, 2009
Global Research e Nuovi Mondi Media April 18, 2004


 
La guerra è un rapporto tra Stati per cui ognuno di essi ricorre alla violenza contro il territorio, i beni, i cittadini dell’altro Stato.
Una guerra tra stati o all’interno di uno stesso stato può scoppiare per motivi molto diversi.
- CAUSE ESTERNE gli uomini al potere scatenano la guerra per rafforzare la loro posizione e ridurre al silenzio l’opposizione ( controllo dei mezzi di stampa e repressione di ogni critica )
- CONTRASTI PER IL CONTROLLO DI RICCHEZZE E RISORSE FONDAMENTALI come il petrolio e sempre più spesso l’acqua
( Guerra del Golfo 1991)
- CONTRASTI PER IL CONTROLLO DI TERRITORI DI IMPORTANZA STRATEGICA ( grandi vie di comunicazione )
- GUERRE DI LIBERAZIONE O INDIPENDENZA ( guerre d’indipendenza italiana dell’800 )
- GUERRIGLIE PER LIBERARSI DALLA: presenza straniera in molti territori occupati, ad esempio le guerre di liberazione ( il Sahara occidentale invaso dal Marocco, la resistenza in Italia) Le guerriglie possono essere condotte da una minoranza nazionale che viene discriminata ( i Curdi contro la Turchia ), contro i governi dittatoriali (Guatemala e Birmania ); possono nascere anche da gruppi che vogliono creare una diversa organizzazione politica ed economica ( Perù, Venezuela )
- GUERRE CIVILI
legate ai contrasti tra due popolazioni all’interno dello stesso stato o tra due gruppi che vogliono conquistare il potere ( Somalia )
Sembra che i conflitti nel mondo si stiano trasformando da guerre tra Stati a guerre all’interno di Stati: la maggior parte dei conflitti si svolgono nei paesi in via di sviluppo (Fonte 1993)

42 paesi con 52 conflitti veri e propri in corso
37 paesi in presenza di violenze politiche
tot. 79 paesi in guerra, 65 paesi del Terzo Mondo
Guerre tra stati, guerre civili, guerriglie, repressione di massa, lotte indipendentiste, tensioni tra stati, o tensioni interne con vittime
( L'elenco seguente deve essere continuamente aggiornato e alcune situazioni possono essere mutate all’atto di questa scrittura )

EUROPA Bosnia, Croazia, Corsica, Paesi Baschi, Georgia, Turchia, Gran Bretagna

MEDIO ORIENTE Iraq, Israele, Libano Palestina

AMERICA LATINA Colombia, Guatemala, Argentina, Perù, Messico

ASIA Bangladesh, India, Pakistan Kasmir Iran, Laos, Birmania Corea del Nord e del Sud Filippine, Cambogia, Sri Lanka, Tagikistan, Afganistan Turchia Papua Nuova Guinea, Timor est, Yemen 

AFRICA Angola, Ciad, Etiopia, Marocco, Somalia, Sud Africa, Sudan, Uganda, Zaire, Zimbabwe, Algeria, Sahara, Egitto, Eritrea, Uganda, Mozambico, Malawi, Ruanda, Camerun, Guinea, Senegal, Niger, Mali, Sierra Leone, Liberia, Nigeria, Burundi

Molti dei conflitti interni agli stati durano da lungo tempo, alcuni tra i quattro e i dieci anni con costi di vite umane tra i 4 e 6 milioni. Molti conflitti hanno spinto persone alla fuga, moltissimi i profughi; le principali fonti di rifugiati nello scorso decennio provenivano da:

Afghanistan 4,3 milioni

Ex Jugoslavia 1,8 milioni

Mozambico 1,7 milioni

Dal 1945 più di 20 milioni di persone sono morte in guerre e le cifre vengono aggiornate quotidianamente. Quando a un conflitto prendono parte le grandi potenze, i mass media si gettano sull’EVENTO trasformando i notiziari in veri e propri bollettini di guerra inondandoci di servizi speciali, di tavole rotonde, di interviste a esperti di ogni genere. Se invece le armi risuonano in luoghi lontani, dove i soldati europei e americani non sono presenti, l’interesse degli organi di informazione è quasi nullo: soltanto qualche breve riga sui giornali, qualche generica notizia sui telegiornali, magari accompagnati da filmati raccapriccianti, tali da colpire la sensibilità dello spettatore, poi tutto viene dimenticato. Quasi impossibile trovare in questi casi analisi approfondite circa la natura, le cause, le responsabilità delle guerre. I ricchi non vogliono immischiarsi nelle faccende sporche dei poveri, eppure quei conflitti riguardano anche il nostro continente, il nostro paese e quindi noi stessi in vari modi: La prima e più visibile conseguenza è l’esercito di profughi che sbarcano e cercano di sfuggire alla povertà e alla miseria, molti di loro provengono dal Kurdistan, dallo Sri Lanka, dal Corno d’Africa.



PACE= assenza di lotte e conflitti armati tra popoli e nazioni, periodo di buon accordo internazionale ( Zingarelli )
PACE = quel rapporto esente da violenza che più esseri umani hanno tra di loro ( Enciclopedia Einaudi )
PACE = NON GUERRA, assenza di conflitto armato; definizione riduttiva (pace negativa)
PACE = Fine di ogni tipo di violenza compresa quella che dipende dall’organizzazione della società, dalla sua struttura (violenza strutturale ) solo in questo caso si ha la pace positiva basata sulla giustizia e sul rispetto dei diritti di tutti gli uomini.
NON VIOLENZA coinvolge i comportamenti e i valori, è basata sulla tutela del diritto alla vita di tutti gli esseri umani, in base a questo principio nessun tipo di violenza sia diretta che strutturale è accettabile e quindi la guerra non è mai giustificabile, neppure se condotta in difesa della propria libertà o dei propri diritti. I conflitti tra le persone o tra gli stati devono essere affrontati e risolti in modo che nessuna delle due parti venga penalizzata troppo rispetto all’altra, se invece la soluzione adottata avvantaggia troppo una parte in causa si produce una situazione di disuguaglianza che tende a generare altri conflitti.
Si possono distinguere anche tre tipologie di pace:
La pace imposta con la forza consiste nell’ordine stabilito da un potere dispotico, da una potenza egemonica ( es. la pax romana o il modello marxista - leninista - stalinista ), tale pace è espressione di una forza politica fortemente ideologizzata, impersonata da un capo carismatico, in questo contesto ogni dissenso è considerato un attentato allo stato, una violazione dell’ordine legale costituito, perciò è un reato perseguibile. Tale pace si macchia spesso di sangue ed è contrassegnata da sofferenza, da patimenti, da mancanza di libertà.
La pace armata è il timore, anzi il terrore delle armi nucleari e sofisticate a sconsigliare gli stati a non avventurarsi in una guerra, in questo contesto la guerra non è definitivamente abolita, viene solo scongiurata temporaneamente per ragioni di sopravvivenza. La pace armata è tipica della politica dei blocchi militari che si contendono la supremazia del mondo, la pace basata sull’equilibrio di potenza è preferibile alla pace imposta con le armi.
Assenza di guerra questo modello diventa forte se si instaura una cooperazione, una comunione di interessi reciproci quando si sono gettate tra gli stati contendenti le condizioni per costruire solidamente la pace;
La pace è:
L’insieme delle condizioni non solo economiche, politiche, sociali che consentono alle persone, alle loro istituzioni, allo stato stesso di realizzarsi ciascuno nella propria specificità, nel rispetto della propria dignità e dei propri diritti di libertà.
Un ideale, è qualcosa di labile, di complicato, di minacciato. Si fonda sul comandamento non uccidere: Il fatto che l’uomo sia in grado di realizzare questo progetto è il dato fondamentale che lo distingue dall’animale.
tranquillità
serenità
amicizia
fraternità
rispetto per l’altro nel suo complesso e nelle sue diversità
dialogo
rifiuto della violenza, dell’uso della forza, dell’inganno, della menzogna, del dominio sull’altro
garanzia di libertà, di giustizia, di fraternità fra tutti i popoli e tutti gli stati
La pace suppone:
dialogo, stabilità, sicurezza

     I Passi per una educazione alla pace: Informazione, disarmo
PACIFISMO
  • Corrente di pensiero che si concreta e si è concretata in movimenti culturali e politici, la quale pone come proprio scopo e propria meta suprema la realizzazione della pace fra i popoli e fra gli uomini, la definitiva eliminazione della guerra e della violenza dalla storia umana.
  • Predica l’abolizione della guerra, il disarmo universale, il regolamento delle controversie fra gli stati mediante mezzi pacifici.
  • Si oppone al razzismo e al nazionalismo.
Pacifismo, internazionalismo, cosmopolitismo, umanitarismo non sono termini sinonimi però corrispondono a una stessa visione di fondo, basata essenzialmente su due elementi: da un lato che ciò che conta è l’uomo, mentre le differenze etniche non sono rilevanti; dall’altro l’idea che il metodo della violenza deve essere eliminato per sempre dalla società umana. ( Enciclopedia Feltrinelli )

Estratto dal rapporto del segretario generale dell’ONU Kofi Annan in occasione dell’apertura del Vertice del millennio svoltosi a New York il 6 Settembre del 2000:
  • La minaccia di gravi conflitti deve essere affrontata ad ogni stadio
Per promuovere azioni di pace è necessario:
  • Promuovere uno sviluppo sano ed equilibrato nei paesi poveri mal governati e con nette disuguaglianze tra gruppi etnici e religiosi
  • Tutelare i diritti umani, i diritti delle minoranze con accordi politici nei quali tutti i gruppi siano egualmente rappresentati (Amnesty International)
  • Portare alla luce il traffico illecito di armi, denaro o risorse naturali
  • Far rispettare il diritto internazionale e i diritti umani e garantire che le violazioni non rimangano impunite
  • Applicare sanzioni più intelligenti e mirate nei confronti di paesi che si macchino di eccidi, di violazione di diritti
  • Puntare ad una riduzione delle armi e controllare in modo rigoroso i trasferimenti di quelle di piccolo calibro
  • Impegnarsi a diminuire i pericoli rappresentati sia dalle armi nucleari già esistenti, sia da una loro ulteriore proliferazione
  • Affrontare il dilemma dell’intervento armato autorizzato dal Consiglio di Sicurezza, (esso costituisce infatti un’ opzione irrinunciabile in casi gravi di violazioni e eccidi di massa) senza nascondersi dietro l’alibi della sovranità nazionale.

LE MINE ANTIUOMO


Una delle eredità più terribili dei conflitti, soprattutto nel terzo mondo,è rappresentata dalle mine insediate e lasciate nel terreno. Queste mine sono state poste a protezione militare di un confine. Lo scopo delle mine è quello di terrorizzare popolazioni,impedire loro il lavoro nei campi e indurli ad abbandonare case e villaggi. Il loro uso serve più a mutilare che a uccidere: chi le installa pensa che sia più gravoso per il proprio nemico curare ed assistere un invalido a vita.
L’attività delle mine dura a lungo nel tempo, per es. in Polonia si continua a morire per l’esplosione di mine collocate durante la seconda Guerra Mondiale. Nel mondo si calcolano circa 100milioni di mine attive, nella sola Cambogia ci sono 10mlioni di mine. Queste hanno già ucciso 100000 bambini mentre altri 60000 hanno bisogno di arti artificiali. Altri paesi infestati da questi ordigni sono l’Egitto, il Laos, il Mozambico. 


LE ARMI BIOLOGICHE


Le armi biologiche costituiscono un antichissimo espediente bellico sfruttato da combattenti di pochi scrupoli per fiaccare la resistenza dei nemici.
Episodi significativi:
1343: Assedio alla città di Caffa. I Mongoli lanciarono per mezzo di catapulte i cadaveri appestati all’interno delle mura inducendo i nemici alla capitolazione.
1763: Gli inglesi distribuirono tra i pellerossa americani coperte di ammalati di vaiolo dando inizio al genocidio degli indigeni.
1944-45: Hitler aveva pronta l’arma batteriologica.
1944-45: I giapponesi usarono armi batteriologiche in Manciuria dove riuscirono a introdurre topi infettati con la Pasteurella Pestis il veicolo della peste bubbonica.
Questi mezzi sono stati messi al bando da una convenzione firmata a Ginevra il 10 aprile del 1972 da 105 paesi.
La differenza tra l’arma chimica e quella batteriologica risiede nel fatto che quella chimica è costituita da sostanze tossiche di origine non vivente non biologica.
L’arma batteriologica (che è costituita da materiale vivente: germi, virus, batteri) può scatenare epidemie di varie malattie quali il tifo l’antrace o carbonchio, il colera la pesta nella forma cutanea o polmonare. Forse anche il vaiolo.
L’arma batteriologica rispetto a quella chimica se si estende e si diffonde in proporzione è più grave da 1 a 10.
Un’epidemia può colpire migliaia e migliaia di persone mentre l’arma chimica ha un raggio di azione più limitato. I batteri possono contagiare soprattutto attraverso le sorgenti idriche gli acquedotti, i pozzi. È per questo canale, infatti che si diffondono le epidemie, per esempio di tifo o colera che avrebbero una diffusione progressiva nella popolazione fino a suscitare un vero stato di panico. E' per questo motivo che tra le misure anti-terrorismo tutti gli acquedotti delle città occidentali sono sottoposti a rigidi controlli da parte delle autorità
L’arma batteriologica si può rendere meno aggressiva tramite un piccolo espediente che consiste nel far bollire acqua e cibo in modo di distruggere i bacilli. Le maschere anti-gas e le tute a tenuta stagna sono efficaci per proteggersi dai gas, ma non servono contro i batteri che agiscono in modo diverso. Tuta e maschera non possono essere indossate a lungo soprattutto con una temperatura molto alta quindi dopo un attacco chimico bisogna subito recarsi in zone protette e procedere alla decontaminazione.

Stati che possiedono armi chimiche(fonte ONU):
Stati Uniti, paesi dell' ex-unione sovietica, Francia, Gran Bretagna, Libia, Siria, Egitto, Somaliqa, Iraq, Afghanistan, Birmania, Cina, Vietnam, Taiwan, Corea del Nord, (alcuni paesi come ex-unione sovietica, gli Usa, Etiopia e ilVietnem hanno usato le armi chimiche nel corso dei conflitti locali, oppure come ha fatto l'Iraq nel1988 contro inermi popolazini civili: in quel caso si trattava di curdi da sempre contrari al regime di Saddam Ussein).
Per quanto riguarda gli agenti batterici non esistono soltanto carbonchio e botulino, nella tabella che segue sono riportati i più pericolosi, la dose letale e i giorni d’ incubazione.
agente
dose infettante
incubazione (giorni)
vaccino
carbonchio 8.000-50.000 spore 1-5 disponibile
brucellosi 10-100 organismi 5-60 (a volte mesi) non disponibile
peste 100-500 organismi 2-3 disponibile ma non efficace
febbre Q 1-10 organismi 10-40 allo studio
tularemia 10-50 organismi 2-10 allo studio
vaiolo 10-100 organismi 7-17 disponibile
encefalite virale 10-100 organismi encefalite equina venezuelana 2-6
encefalite equina orientale
ed encefalite equina occidentale 7-14
allo studio
febbre virale emorragica 1-10 organismi 4-21 allo studio
botulino 0,001 microg/kg (tipo A) 1-5 allo studio
enterotossina stafilococcica 30 ng (incapacitante);
1,7 ng (letale)
1-6 ore non disponibile
Grazie all’ ingegneria genetica e alle mutazioni possibili, qualunque paese sarebbe in grado di produrre un nuovo batterio o virus quasi devastante e inarrestabile, essendo il solo conoscitore del vaccino. Questo fatto ha dato nuova spinta alla ricerca.

LE ARMI CHIMICHE


Per armi chimiche si intendono quegli armamenti come: bombe d’aereo, proiettili d’artiglieria e missili contenenti al loro interno al posto della carica di esplosivo dei componenti chimici che al momento dell’impatto con l’obbiettivo sprigionano gas mortali per tutti gli esseri viventi.

Ci sono vari tipi di gas mortali, i più usati sono:
GAS
CONSEGUENZE
DIFESE
UOMO NATURA

Asfissianti
(cloro +fosgene)

Lesione ai bronchi e ai polmoni
fuoriuscita di sangue

impossibilità di respirare

Assorbimento per le colture
inquinamento per almeno 1 anno su tutta la regione
animali non più commestibili

possibili carestie

Maschera anti-gas

Vescicatori
(iprite + lewsite)

Nausea
irritazione agli occhi cecità
irritazione alla pelle e vie respiratorie

morte per asfissia

Assorbimento per le colture
inquinamento per almeno 1 anno su tutta la regione
animali non più commestibili

possibili carestie

Maschera anti-gas

Tossici, emotossici
(cianogeno)

Lacrimazione
Soffocamento

morte a causa dell’incapacità del sangue di portare ossigeno alle cellule

Assorbimento per le colture
inquinamento per almeno 1 anno su tutta la regione
animali non più commestibili

possibili carestie

Maschera anti-gas

Nervini,
neurotossici

Non giungono al corpo attraverso le vie respiratorie ma attraverso la pelle
blocca i messaggi tra nervi e muscoli
la vittima è incapace di compiere movimenti fino a che non si bloccano anche i muscoli respiratori

morte per soffocamento

Assorbimento per le colture
inquinamento per almeno 1 anno su tutta la regione
animali non più commestibili

possibili carestie

Maschera non sufficiente
tuta impermeabile d ermetica su tutto il corpo

rifugi dotati di particolari filtri per l’aria come i bunker anti-atomici


Stati che possiedono armi chimiche (19 fonte ONU):

Stati Uniti, paesi dell’ex-Unione Sovietica, Francia, Gran Bretagna, Libia, Siria, Egitto, Somalia, Iraq, Iran, Afghanistan, Birmania, Cina, Vietnam, Taiwan, Corea del Nord, (alcuni paesi come ex-Enione Sovietica gli USA Etiopia e il Vietnam hanno usato le armi chimiche nel corso dei conflitti locali oppure come ha fatto l’Iraq nel 1988 contro inermi popolazioni civili: in quel caso si trattava di curdi da sempre contrari al regime di Saddam Ussein.)

LA NATURA DEI CONFLITTI

conflitti tra stati.jpg (32938 byte) 

La guerra è un fenomeno sociale, costituisce lo scontro armato tra due o più gruppi sociali organizzati e trova le sue cause, i suoi interessi e le sue legittimità storiche negli interessi, nelle dinamiche interne, nei problemi politici, ideologie, di questi gruppi; finora è apparso anche un aspetto inevitabile dei sistemi di potere.
Perche scoppiano le guerre?
molto schematicamente si possono distinguere:
  1. ragioni economiche
  2. ragioni politiche
  3. ragioni ideologiche
che spesso si presentano intrecciate tra loro.


  • il caso più semplice di motivazione economica è la rapina.
  • Una città o uno stato aggrediscono un vicino per depredarlo di risorse di cui sono carenti.
  • Più complesse le motivazioni economiche di tipo imperialistico; si può trattere in questo caso di conquistare nuovi territori di cui sfruttare risorse o in cui spostare la parte di popolazione che risulta in eccesso alla popolazione attaccante(attacco tedesco all'URSS durante la 2° Guerra Mondiale).
  • Le guerre imperialistiche delle potenze industriali hanno spesso obiettivi più strettamente economici: mantenere il predominio sui Paesi produttori di materie prime e trasformarli in mercati di consumo per i prodotti dell'industria nazionale(Inghilterra e Francia in Asia e Africa).
  • Le crisi economiche interne spingono spesso le potenze alla soluzione militare: somme vengono investite nell'industria bellica e i prodotti vengono consumati durante lo sforzo militare. Questo meccanismo permette quindi all' industria un largo profitto(Germania e USA dopo la crisi del 1980)
  • Le cause politiche delle guerre possono essere interne o esterne; il ricorso alla guerra può essere usato come necessario per risolvere situazioni interne: lo stato di guerra impone una disciplina militare a tutti i partiti e ai gruppi sociali in lotta, di mobilitare tutte le energie contro il nemico estero allontanando il rischio della guerra civile.
  • Per quanto riguarda la politica estera, la guerra è spesso una soluzione cui una potenza deve ricorrere per risolvere le sue divergenze con le potenze rivali. L'incentivo a questo tipo di conflitti è dato spesso da contrapposte aspirazioni territoriali, da rivalità fra dinastie opposte, da contrastanti interessi nelle spartizioni delle imprese coloniali.
  • Le ragioni ideologiche hanno spesso assunto l'aspetto di contese religiose(Crociate, guerre fra cattolici e protestanti) o di conflitti tra sistemi sociali e politici diversi allorchè l'esistenza di uno o più stati rivoluzionari pareva minacciare gli equilibri interni delle altre potenze(la lotta contro il comunismo parlando delle potenze occidentali)
  • NOTE CONCLUSIVE
    -Non esistono guerre ideologiche "pure", in esse agiscono anche motivi di tipo economico e politico.
    -Esiste inoltre un bisogno di guerra legato all' aggressività umana che ha periodicamente bisogno di esprimersi in forme violente
    -raramente le guerre sono volute dalla maggioranza, ma sono invece imposte dai gruppi dirigenti. E' certo però che le motivazioni ideologiche e l'odio che la propaganda riesce a suscitare contro il nemico, producono spesso un certo consenso dellì' opinione pubblica intorno al progetto bellico.
    - non esistono leggi statistiche sulla periodicità delle guerre, la loro fequenza è inversamente proporzionale alla dimensione e durata( dai 5 ai 30 anni). dopo la 2° Guerra Mondiale da un lato la straordinaria potenza distruttiva delle nuove armi rende impensabile un conflitto militare tra le grandi potenze; dall' altra c'è stata una serie interrotta di conflitti locali (Corea,Algeria,Palestina,Pakistan,Cina,Vietnam,Afghanistan,Argentina,Iran). L'impossibilità del "grande conflitto" ha dato luogo alla moltiplicazione di guerre marginali di carattere quasi cronico.

    LE ARMI NEL MONDO






    Oggi nel mondo ci sono sette stati che dichiarano di avere armi nucleari, tra cui i cinque che occupano un posto nel consiglio di sicurezza dell' ONU (USA, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia più India e Pakistan). Alcuni paesi si definiscono in "disarmo nucleare" perchè dicono di aver rinunciato a portare avanti un programma per la costruzione dell'atomica, sono: Brasile, Argentina, Sud-Africa, Algeria, Taiwan, Ucraina, Bielorussia e Kazakistan (gli ultimi tre prima facevano parte dell'URSS e quindi né hanno in parte ereditato l'armamento).
    Ci sono paesi, infine, sospettati di possedere l'atomica (Israele) o di avere in atto progetti, più o meno avanzati per realizzarla (Libia, Iran, Iraq e Corea del Nord); tra questi, secondo gli americani, la Corea del Nord come l'Iran sono ad uno stadio molto avanzato perchè si dice abbiano assunto tecnici e materiali provenienti dall'ex unione sovietica. Infine, molti ritengono che il Giappone potrebbe entrare nel club dell'atomico quando lo volesse.
    Una novità degli ultimi anni in questo campo decisamente inquietante, è che i progressi e la diffusione delle tecnologie, la dissoluzione dell'Impero sovietico e le grandi quantità di denaro a disposizione dei governi ha fatto si che l'atomica - almeno in una certa misura - si sia venuta trasformando in un "bene economico" per così dire commerciabile sul mercato nero: regimi spregiudicati o addirittura gruppi terroristici sarebbero in grado di procurarsela con relativa facilità.
    In generale la spesa mondiale negli armamenti normali che nel 1987 aveva raggiunto il culmine (1026 miliardi di $) è in forte discesa. Questa diminuzione si deve in primo luogo agli accordi tra Stati Uniti e Unione Sovietica (poi Russia) e viene calcolata in percentuale sul prodotto nazionale lordo (PNL). Naturalmente i dati relativi al rapporto tra spese per la difesa e PNL possono essere ingannevoli, perchè ci sono grandi differenze fra i PNL dei diversi paesi: una cosa è spendere 2% di mille, altra cosa spendere un 2% di 20.000.
    L' 80% delle importazioni mondiali di armi viene assorbito da paesi in via di sviluppo, perchè quasi nessuno dei paesi sottosviluppati produce armi in proprio. Si tratta in realtà molto spesso (soprattutto, ma non solo, in Africa) di regimi fortemente repressivi che usano le forze armate per mantenersi al potere. Inoltre si tratta di aree del mondo nelle quali si combatte da decenni, per ragioni locali su cui si innestarono per molto tempo gli interessi delle potenze. La Cina per esempio armò sempre i nemici - almeno potenziali - dei suoi nemici: il Pakistan contro l' India, la Cambogia contro il Vietnam. Gli Stati Uniti armarono, fra gli altri, l'Arabia Saudita ma anche l'Iran e l'Iraq. La Francia vendette armi a tutti anche ad India e Pakistan, tra loro rivali; e, più di recente a Cina e Taiwan.
    Negli ultimi anni, non esiste più alcuna influenza delle ideologie sulle vendite di armi: anche perchè l'aspetto principale è ormai rappresentato da un'industria in crisi che deve reagire cercando nuovi mercati. Se è vero, infatti, che il parziale ritiro del mercato dell' ex URSS apre nuovi spazi, altri spazi, invece, si sono ristretti: a cominciare dal mercato iracheno che assorbiva da solo il 10% degli acquisti del terzo mondo. I licenziamenti nell' industria degli armamenti sono molto numerosi (gli addetti erano fino a 2-3 anni fa circa 15.000.000 in tutto il mondo la metà dei quali nell' Unione Sovietica). Ma la riconversione dell' industria bellica procede lentamente e in mezzo a molte difficoltà sicchè la ricerca di nuovi compratori si fa sempre più pressante soprattutto nel terzo mondo, sono ottimi acquirenti per esempio i paesi di nuova industrializzazione dell'Asia.

    LE ORGANIZZAZIONI 
    NON GOVERNATIVE

    Le ONG (Organizzazioni non governative )

    Sono gruppi di impegno politico e sociale che appoggiano i paesi del terzo mondo con interventi che rifacendosi ad un famoso racconto cinese, invece di "dare il pesce" a queste popolazioni portando semplicemente aiuti vogliono loro "insegnare a pescare ", a diventare cioè autosufficienti. Sono nate negli anni 70 tra le finalità sono passate dall’aiuto temporaneo al programma organico di sviluppo, all’individuazione di gruppi locali cui fare riferimento, al pensare alla cooperazione come intervento legato strettamente alla realtà locale in cui si andava ad operare, da progetti di sostegno a progetti di sviluppo. Oggi in Italia e in Europa esistono tantissime ONG esse operano in diversi settori (rispetto dei diritti umani, sviluppo delle economie locali, sviluppo sostenibile, valorizzazione del ruolo della donna, comunicazione e informazione, e si rifanno per i loro interventi ai seguenti principi:
    • giustizia sociale ed equità
    • partecipazione delle popolazioni per le quali lavorano
    • coinvolgimento della società civile nella cooperazione allo sviluppo
    • aiuto ai partner del Sud per favorire i loro interessi
    Alcune ONG che operano in Italia
    COSV ( Comitato di coordinamento delle organizzazioni per il servizio volontario )
    Opera nel settore della solidarietà internazionale e nella cooperazione allo sviluppo. I progetti riguardano sanità, agricoltura, zootecnia, formazione professionale ecc.
    ICEI ( Istituto cooperazione Economica internazionale )
    Opera sui temi della pace, dell’ambiente e dell’interdipendenza, promuove la cultura della solidarietà, il rigetto di ogni forma di razzismo, la partecipazione attiva di uomini e donne, svolge una importante azione di sensibilizzazione, informazione ed educazione allo sviluppo attraverso: mostre, feste, corsi di aggiornamento, rivolte ad associazioni culturali, scuole.
    INTERSOS ( Organizzazione umanitaria per l’emergenza )
    è un’organizzazione che fa interventi di soccorso alle popolazioni vittime di
    conflitti, calamità naturali, siccità, carestie, presenza di mine e ordigni esplosivi
    MANI TESE
    Favorisce l’instaurazione di nuovi rapporti tra i popoli fondati sulla giustizia e la solidarietà, il rispetto delle identità culturali. Svolge costante opera di sensibilizzazione, informazione, educazione allo sviluppo attraverso iniziative rivolte ad insegnanti ed alunni
    A.I.C.O.S.
    Associazione per gli interventi di cooperazione allo sviluppo in particolare nel settore socio sanitario.
     
    Fonte: http://www.itcmc-gentili.it
     
     

    Si estende la protesta per il film su Maometto: l’Onu condanna gli attacchi!

    Al Cairo gli scontri sono continuati per tutta la notte, nel venerdì di preghiera la tensione è stata altissima in gran parte del mondo arabo e ci sono state almeno otto vittime. Nel mirino le sedi diplomatiche occidentali, in primis quelle Americane.

    Si estende la protesta per il film su Maometto: l’Onu condanna gli attacchi.
    In seguito ai fatti dell’11 Settembre 2012, quando in un agguato all’ambasciata americana a Bengasi sono rimasti uccisi quattro diplomatici, la rabbia del mondo arabo contro il film su Maometto si è fatta sentire in maniera massiccia anche nel corso della giornata di ieri dove, in un gran parte dell’Islam, si sono verificati manifestazioni e scontri. Il bilancio del venerdì di preghiera è grave: nel corso delle manifestazioni di ieri sono rimaste uccise almeno otto persone, a Khartoum si registrano quattro vittime nei pressi dell’ambasciata americana che era stata presa d’assalto, in Tunisia ci sono state altre tre vittime, un morto anche a Tripoli. Decine e decine i feriti, dall’Egitto dove gli scontri sono andati avanti per tutta la notte, al Libano. A Tunisi la polizia ha sparato ad altezza d’uomo. E la protesta contro gli Usa e il film “Innocence of Muslims” è arrivata anche in Australia: centinaia di persone si sono scontrate con la polizia a Sidney, gli islamici continuano a prendere di mira i simboli americani. Tanti i manifestanti che sono scesi in strada urlando slogan contro l’America. Nel corso della giornata di ieri c’è stata paura anche per degli allarmi bomba in diverse università americane, fortunatamente erano falsi.


     


     








    Nessun commento:

    ITALIA-CINA

    ITALIA-CINA
    PER L'ALLEANZA, LA COOPERAZIONE, L'AMICIZIA E LA COLLABORAZIONE TRA' LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA POPOLARE CINESE!!!